8 curiosità da sapere in barca!

(1) I PUNTI CARDINALI

 

Tutti conosciamo i quattro punti cardinali Nord,Sud,Est,Ovest meno conosciuta è la loro origine dal tedesco antico. La mitologia norrena narra infatti che all'inizio dei tempi quattro nani furono posti ai quattro punti cardinali rispettivamente:  Norðri (Nord), Suðri (Sud), Austri (Est) e Vestri (Ovest). tuttavia il nostro ovest italiano deriva dall'espressione francese ouest che deriva a sua volta dal West germanico. Oriente,occidente,meridione e settentrione hanno invece origine latina : solem orientem (sole nascente a levante); solem occidentem(sole ponente o morente) ; meridione da meridiem (l’espressione che indicava il mezzogiorno); septem triones (i sette buoi nome romano per l’Orsa maggiore o grande carro che da sempre indica la strada verso il nord).

(2) PERCHÉ CAZZARE?

Il verbo cazzare, che in barca a vela viene utilizzato per intendere di tirare con forza la scotta della randa, deriva dall'espressione tutt’ora utilizzata “cacciare dentro” con accento veneto.

(3)  IN BARCA ESISTONO CORDE?

Questa è una delle più classiche domande a trabocchetto come si sa infatti in barca esistono solo cime! Tuttavia la risposta è si una sola lunga 20 centimetri e serve per far suonare la campana di bordo regolamentare!

(4)  DA DOVE DERIVA IL TERMINE BOLINA?

L’andatura deriva dal nome in inglese (bow-line, linea di prua) della manovra, la cima responsabile di tenere più verso prua possibile le mura in maniera tale da poter stringere il più possibile il vento!

(5)  PERCHÉ DICIAMO MURE A DRITTA O MURE A SINISTRA?

un tempo quando erano in uso le vele quadrate l'angolo di mura era quello armato sopravento e che si trovava perciò sempre nella stessa direzione di provenienza del vento. Al giorno d’oggi le vele quadre non sono più in uso e tutte le vele moderne ( ad esclusione dello spinnaker) posseggono un solo angolo di mura  centrale. L'espressione rimane però ancora oggi ad indicare esclusivamente la direzione in cui arriva il vento!

 

(6)  BAGNASCIUGA E IL SUO SIGNIFICATO!

Molti di noi sono abituati ad usare comunemente questo termine per indicare la battigia , cioè quella parte di spiaggia dove battono le onde, tuttavia questo utilizzo del termine è scorretto. Bagnasciuga è infatti un termine che indica la zona dello scafo che può essere immersa o emersa in base al peso del carico. La cosa curiosa è che l’uso comune in maniera scorretta del termine deriva da un errore commesso in un discorso del 24 giugno 1943 da Benito Mussolini che parlando del possibile sbarco degli alleati affermò che sarebbe stato “ congelato su quella linea che i marinai chiamano bagnasciuga “ per chiare ragioni non fu corretto e il termine entrò nell uso comune!

(7)  PERCHÉ MISURIAMO LA VELOCITÀ IN NODI?

Il nodo è un'unità di misura che corrisponde ad un miglio nautico all'ora. L’unità di misura prende il suo nome dal metodo utilizzato anticamente per definire la velocità di crociera delle imbarcazioni. Il metodo consisteva infatti nel gettare in mare un solcometro a barchetta attaccato ad una cima segnata da un nodo ogni 15,43 metri cioè lo spazio percorso da un'imbarcazione alla velocità di un miglio l’ora in 30 secondi; in base al numero di nodi che venivano filati in mare veniva stabilita la velocità.

(8) PERCHÉ IL GIARDINETTO E CHIAMATO COSÌ?

Il nome deriva dai tempi dei galeoni , questo era infatti il luogo più asciutto della barca e l’unico dove poter crescere piante e ortaggi i cui frutti erano riservati al capitano della nave e talvolta agli ufficiali.

 

Leave a Reply